Huawei

Il nuovo sistema operativo di Huawei

Huawei ha deciso di lanciare il nuovo sistema operativo nativo che andrà a contraddistinguere solo ed esclusivamente questo genere di strumenti, ovvero quelli prodotti dalla ditta stessa.
Parliamo di HarmonyOS, che sembra pronto a debuttare nella prossima generazione di smartphone.

Un nuovo sistema operativo in arrivo

Una notizia che ha lasciato molto impressionati gli appassionati del mondo tecnologico e dei cellulari e dispositivi mobili in generale è stato l’annuncio di Huawei del lancio del suo nuovo sistema operativo, ovvero HarmonyOS.
Sono ben poche le informazioni a disposizione rilasciate dalla ditta cinese ma è facilmente intuibile come questa scelta sia dipesa in parte dalla voglia di Huawei di contraddistinguersi dalla massa.
Molti dispositivi di questa ditta hanno adottato il sistema operativo Android e ora la musica sembra pronta a cambiare, con tale annuncio che potrebbe ben presto rivoluzionare il mercato mobile.

Huawei e il ban USA

Altro tipo di caratteristica che ha motivato Huawei verso la realizzazione del suo sistema operativo per dispositivi mobili è il contrasto con gli Stati Uniti sul fronte politico ed economico.
Cina e USA, infatti, stanno vivendo un periodo storico molto teso nel corso degli ultimi mesi e i continui ban da entrambe le parti hanno motivato la ditta cinese nel voler sviluppare il suo nuovo sistema operativo.
Come ben noto in Cina solamente i prodotti realizzati proprio sul territorio nazionale sono quelli autorizzati a essere utilizzati: strumenti online com Google e Facebook, salvo il caso in cui non si abbia un telefono con il root violato quindi fuori il controllo del governo cinese, sono totalmente assenti e anche questo aspetto mette in risalto come la Cina voglia effettivamente contraddistinguersi.

Proprio in virtù di questo Huawei, visti i vari problemi nati con l’America, ha deciso di lavorare sul suo dispositivo mobile e sul sistema operativo nativo, che ben presto potrebbe rappresentare una terza scelta tra Android e iOS, visto che i Windows Phone non vengono considerati molto nel resto del mondo se non sul territorio americano, dove appunto questo brand e sistema operativo ha visto la luce.

Il sistema open source di HarmonyOS

Particolare caratteristica di questo nuovo sistema operativo sarà l’open source, che permetterà agli sviluppatori di realizzare delle modifiche alle applicazioni in maniera tale che queste siano compatibili con il nuovo sistema operativo pronto al lancio.
Inoltre, in questo modo, le collaborazioni di Huawei verranno aumentate in maniera esponenziale, offrendo quindi un costante miglioramento dello stesso sistema operativo.
Per ora si tratta solo di una delle notizie che potrebbero rendere il 2020 molto interessante sotto il profilo tecnologico, dato che Huawei ha deciso effettivamente di sganciarsi da Android e Google dopo diversi anni di collaborazione, intraprendendo quindi questo cammino in solitaria.

keyqo

Il miglior sito dedicato alle aste di oggetti e creazioni: Keyqo.com

Il commercio elettronico sta diventando, sempre di più, un vero e proprio trend: comprare e vendere online, infatti, comincia a sostituire le normali abitudini dei consumatori, ma anche l’approccio stesso dei venditori, privati e non. Infatti, non a caso, anche in Italia, è in continua crescita la nascita di portali e-commerce volti a facilitare questi scambi, venendo a sostituire – o a completare, spesso – la vendita classica nei luoghi di riferimento fisici, ossia i negozi.

Bisogna, però, sapersi districare tra ciò che offre Internet: infatti, le possibili truffe sono dietro l’angolo se non ci si affida direttamente a dei leader nel settore online. Mettersi nelle mani di e-commerce certificati renderà la vostra vendita, o acquisto, affidabile e sicura, oltre a offrirvi il massimo dal punto di vista della qualità e della scelta.
Uno dei migliori siti, di cui vi vogliamo parlare oggi, è certamente Keyqo.

Keyqo e le migliori aste online

Keyqo (https://www.keyqo.com/) vi proporrà il mondo delle aste come non lo avete mai visto: infatti, è una piattaforma digitale per la compravendita di beni, che possono essere di svariate tipologie. Potrete proporre, o acquistare, beni creativi, progetti architettonici, disegni tecnici, libri, pubblicità, e qualsiasi altra cosa vi verrà in mente: volete, ad esempio, farvi un tatuaggio, ma non sapete a chi affidare la creazione del disegno? Potete trovarlo qui!

Come funziona

Acquistare nell’asta online è semplicissimo, e possiamo brevemente raccontarlo in tre semplici passi: dopo la registrazione, individua il prodotto che stai cercando, fai subito l’offerta più congrua e alla tua portata, e aggiudicati il prodotto. Semplice, no? Oltretutto, gli acquisti su Keyqo sono sicuri e protetti: infatti, dopo il tuo acquisto, provvederà direttamente la piattaforma a pagare il venditore, senza scambi ulteriori, il tutto in un’ottica omnidigitale che garantirà, a entrambe le parti, un servizio, comunicazione e organizzazione impeccabile, rendendo la vostra esperienza assolutamente gratificante e divertente.

Un’altra particolarità di questo sito è la possibilità di utilizzare aste a sistema singolo oppure doppio: quindi, non solo si potrà acquistare il bene materiale o il servizio attraverso il sistema singolo, bensì con il sistema doppio si potrà associare anche la prestazione/servizio sul bene in questione.

Un’altra particolarità di Keyqo la fa il cliente stesso: è proprio lui, infatti, a stabilire il prezzo del bene o della prestazione che si richiede, tramite prezzi base e rilanci. Oltretutto, i tempi sono brevissimi, se non immediati: infatti, le aste avranno durata di 7 giorni.

Contenuti unici per clienti unici

I contenuti, da proporre e da acquistare, sono molto importanti e da non trascurare: per questa ragione Keyqo garantisce l’unicità, l’esclusività e la qualità dei beni e dei servizi commercializzati proposti. Verranno, per esempio, tassativamente vietati ed eliminati, anche, progetti proposti già esistenti, garantendovi così l’unicità di ciò che state per acquistare. Una volta terminata l’asta, e aggiudicato il vostro bene / servizio, potrete lasciare anche una recensione accompagnata da un punteggio, che andranno a dichiarare le qualità e le performance del venditore con cui avete avuto a che fare: il pubblico, grazie alla vostra recensione, potrà valutare la vostra esperienza in vista di loro acquisti futuri, oppure voi stessi sarete agevolati sul decidere se affidarvi, o meno, a un determinato professionista.

Con la semplicità e chiarezza del suo sito, di facile fruibilità e scorrimento, Keyqo è veramente il miglior sito di aste online per oggetti e creazioni ad hoc, che potrà soddisfare ogni vostra richiesta ed esigenza: che tu sia un cliente, o che tu voglia proporre le tue qualità professionali e, perché no, metterti anche alla prova con un pubblico più ampio rispetto al tuo circondario, sarà proprio il business e l’occasione che stavate cercando!

Nuovo Ipad, gli ultimi rumors

Per la fine del 2019 sembrano esser previsti due nuovi modelli di iPad. Secondo i rumors dovrebbero essere uno da 9,7 pollici ed un altro, invece, dotato di un display più grande. Non sembra previsto un modello dalle dimensioni ridotte, in quanto l’ultimo modello di  iPad mini è stato lanciato solo qualche mese fa, per la precisione a marzo.

Non si sa ancora molto a riguardo, potrebbero essere dei modelli totalmente nuovi oppure di un upgrade di quelli già presenti sul mercato. Attualmente, la casa di Cupertino ha registrato 7 codici che fanno riferimento a modelli di iPad, ma non si sa se questi device verranno rilasciati tutti insieme oppure a distanza di qualche tempo l’uno dall’altro.

Per quanto concerne invece gli iPad Pro, ci sono delle indiscrezioni che giungono dalla Cina, riguardanti le fotocamere. Infatti, i rumors sugli iPhone vedono i nuovi device dotati di ben tre fotocamere, e la stessa cosa sembra prevista per gli iPad Pro. Per gli iPad “standard” di cui è stato accennato precedentemente, le fotocamere previste sarebbero “solo” due.

È infatti risaputo che l’azienda di Cupertino cerca sempre di rendere affini tra loro i modelli di iPad e di iPhone usciti nello stesso periodo, anche per ottimizzare i costi spesi in ricerca di nuove tecnologie. Inoltre, la Apple necessita di restare al passo con le uscite di questo periodo, come il dispositivo Samsung Tab S6 che è dotato di doppia fotocamera e potrebbe rubare una fetta di mercato agli iPad. Molti fan, inoltre, auspicano l’uscita di un tablet con infinity display, tecnologia ormai consolidata nel modo degli smartphone.

Per ora queste sono solamente supposizioni, le specifiche tecniche non sono ancora note, come non lo è il prezzo. Si ipotizza, però, che una delle versioni di iPad possa avere un prezzo più economico rispetto alla media dei modelli precedenti, che si aggira intorno ai 350 dollari, destinato quindi ad una fetta di pubblico che solitamente disinteressata a questo tipo di prodotto.

Photoshop per iPad

Dopo l’uscita del nuovo iPad, ad essere prevista è anche l’uscita del nuovo software di editing di immagini Photoshop per iPad. Probabilmente verrà annunciato per l’inizio di novembre, in concomitanza con la conferenza Adobe. Attualmente, la versione di prova è già disponibile per un gruppo di utenti, che hanno potuto testarne le funzionalità e le novità.

Photoshop per iPad permetterà all’utente di lavorare su livelli bitmap, livelli di regolazione, maschere, pennelli, correzioni di colore delle immagini, maschere ecc. in modo professionale anche attraverso un sistema touch screen.

Si tratterà finalmente dell’approdo in versione portatile delle stesse caratteristiche del software per pc e Mac che ha rivoluzionato il mondo della grafica e del design. L’iPad, infatti, ha molteplici vantaggi, è potente quasi come un pc ma sottile come uno smartphone, ma per i grafici non è mai stato fondamentale, anzi.

Proprio per questo, l’uscita la nuova versione di Photoshop potrebbe essere una svolta, anche perché i file ottenuti non necessiteranno di esser convertiti o esportati. Per la gestione di questa tipologia di software serve un sistema che sia abbastanza potente, e pare proprio che il nuovo iPad possegga le caratteristiche adeguate.

acquisti sul web

Acquisti sul web, la tecnologia che ti permette di vendere meglio

Oggigiorno le persone che effettuano acquisti sul web sono in costante aumento. Questo trend ha generato non poche problematiche ai commercianti. La concorrenza del web è molto insidiosa, anche in virtù del fatto che i costi di gestione sono decisamente più bassi. Alla luce di ciò, diversi imprenditori hanno scelto di portare il loro negozio sul web, e questo è stato possibile grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie. Chi ha un sito web e-commerce, riesce a migliorare la sua fatturazione, ormai è un dato di fatto.

Acquisti sul web, la tecnologia che aiuta i commercianti

La tendenza è questa: le persone sono sempre più di fretta, hanno sempre più necessità di trovare quello che gli serve in tempi brevi e ovunque si trovi. Da questa necessità nascono le nuove tecnologie che consentono, appunto, di effettuare acquisti anche da mobile. Più in generale, però, è importante per gli imprenditori capire che si possono sfruttare tutte le potenzialità del web.

In particolare, grazie agli e-commerce i commercianti possono rendere la loro attività decisamente più competitiva. Quello che serve è, appunto, un e-commerce, in modo da avviare il proprio business anche online. Chiaramente un e-commerce deve essere strutturato in un certo modo, ragion per cui non si può fare da soli, ci si deve affidare a un professionista.

Il sito web di un negozio online, caratteristiche indispensabili

Il sito web di un negozio online, come detto, non è un sito qualsiasi ma ha bisogno di seguire determinate costanti. Per prima cosa deve essere facilmente navigabile, immagina un utente che cerca qualcosa e il sito non carica la pagina, o non carica la foto, quanto tempo credi possa impiegare per abbandonare il sito? Esatto, pochi secondi e quello che non trova da te lo troverà da qualche altro.

acquisti sul webOggi le tecnologie ci mettono a disposizione diverse opzioni , per cui è assolutamente possibile avere un sito fluido e navigabile per un’ottima user experience anche da mobile. Un’altra cosa che ti serve è un’interfaccia semplice, in modo che il sito possa essere consultato davvero da chiunque, anche da chi ha meno dimestichezza col web.

Il multinegozio prestashop

Avere un negozio fisico e un negozio online non è esattamente una cosa semplicissima. Il primo problema a cui andrai incontro è quello di dover gestire il magazzino. Se non sincronizzi il magazzino col negozio fisico e con le vendite online rischi di fare più danni che altro, perdendo di credibilità davanti ai clienti.

Immagina che un cliente venga in negozio e acquisti proprio l’ultimo pezzo di un prodotto che va così a esaurirsi. Contemporaneamente, un altro cliente ha effettuato l’acquisto online (che è andato a buon fine). In realtà, però, il prodotto è esaurito e non riuscirai a rifornirlo in breve. Quel cliente è di sicuro un cliente perso e che ti farà una brutta pubblicità.

Per ovviare a questo inconveniente bisogna sincronizzare il negozio. Il multinegozio prestashop è un gestionale evoluto che ti permette di gestire con la massima precisione il tuo magazzino e di avere sempre sotto controllo tutte le merci.

Un software all’avanguardia che ti consente di aggiornare in tempo reale i tuoi negozi, evitandoti così una brutta figura e dei feedback negativi.

Le priorità negli investimenti ICT

Ad oggi, nel linguaggio tecnologico, si sente sempre più spesso parlare di ICT, senza sapere bene di cosa si tratta.

L’ acronimo ICT, che significa Information Communication Technology, vuole indicare l’insieme delle tecnologie che consentono il trattamento e lo scambio delle informazioni in formato digitale.

Valorizzare i canali digitali e i vari servizi di Home banking sono alcune delle nuove possibilità che sono state rese possibili grazie all’avvento di questo nuovo tipo di tecnologia, così come l’importanza delle mitigazioni del rischio cyber e l’inevitabile adeguamento delle infrastrutture.

Fondamentale, è ormai, l’esigenza di accelerare verso un totale rinnovamento.

In cosa consistono gli investimenti Ict

Questi investimenti nel campo Ict sono dovuti, per la maggior parte dei casi, all’Open Banking,  una condivisione dei dati tra i diversi attori dell’ecosistema bancario, autorizzata dai clienti.

Il forte e dovuto potenziamento dei canali digitali è una delle priorità per gli investimenti.

Potenziando la cosiddetta intelligenza artificiale e formando nuovi tipi di assistenza e interazione col cliente finale, dalla chatbot a dei veri e propri software che gestiscono in automatico gli investimenti.

Tutto ciò senza abbandonare le assistenze virtuali e le conseguenti personalizzazioni delle offerte.

Particolare rilevanza sarà data ad investire sul rischio Cyber. Gli attacchi informatici, soprattutto cercando di evitare quelli agli istituti bancari sono un problema che si trasforma in maniera automatica in minaccia per l’intera economia nostrana.

Stando, difatti, al passo coi tempi grazie alla digitalizzazione delle società ed evitando tutti questi possibili attacchi sarà inevitabile una crescita repentina dell’economia.

Si stima che nel 2030 la digitalizzazione potrebbe aumentare il Pil mondiale di 1,2%, e non è cosa da poco.

Studi recenti hanno dimostrato che gli attacchi informatici sono quintuplicati in quasi tutti i settori, da quello energetico a quello dei trasporti.

Ma anche i settori finanziari e delle telecomunicazioni non se la passano granché bene.

La necessità, dunque, di spingere verso gli investimenti in materia di assistenza ict è il segnale  che il budget dedicato quest’anno a tale impresa è finanche in aumento rispetto agli anni passati.

Di conseguenza dovremmo aspettarci un futuro più roseo in materia di infrastrutture tecnologiche, cosa da non sottovalutare se si considera l’arretratezza nei confronti di altri paesi europei e non.

Aspettative importanti anche per quanto riguarda la sicurezza che, con gli investimenti giusti, potrebbe dare una maggiore tranquillità a tutti gli utenti.

Adeguarsi grazie a tali investimenti aiuterà non solo nello sviluppo di nuove tecnologie, ma soprattutto nel miglioramento di tutte quelle attività che si svolgono quotidianamente e anche a fini lavorativi.

Pare che l’Italia pur essendo dotata di infrastrutture tecnologiche sopra la media europea, esse manchino di capillarità.

Intere zone non raggiunte dalle ultime tecnologie sono un campanello d’allarme e tali investimenti serviranno a raggiungere l’importante obiettivo di colmare un gap importante e uniformarsi a ciò che si può trovare nel resto d’Europa.

Alta velocità, lavori per la fibra ottica e connessioni 4g potrebbero diventare alla portata di tutti.

Anche le singole aziende dovranno capire che gli incentivi dovranno servire ad una digitalizzazione globale.

Un recente sondaggio ha stabilito che il 66% delle aziende nostrane ha utilizzato tali incentivi, soprattutto per rinnovare l’hardware obsoleto e l’implementazione di nuove tecnologie per la sicurezza informatica.

dove comprare antifurto casa

Quando cambiare batteria antifurto casa?

Qualunque sistema d’allarme contiene internamente delle pile.

Queste ultime devono essere caricate correttamente e puntualmente, in maniera tale da far funzionare perfettamente l’antifurto della casa.

Ne consegue quanto sia importante verificare il corretto funzionamento sia delle batterie sia dell’impianto in questione.

Dunque per avere un sistema perennemente attivo i tecnici che provvedono a collocare il sistema fanno una verifica completa annuale e, in caso di necessità, pensano eventualmente a cambiare pure le batterie.

E’ rilevante sottolineare che le installazioni attuali hanno inclusa un’utilissima modalità di segnalazione automatica in caso di alterazioni o di guasti.

In tal modo l’operaio specializzato potrà intervenire rapidamente per poter far rientrare in maniera repentina la problematica.

 

A chi affidarsi per sostituire correttamente le pile

 

Bisogna tener ben presente che per un’operazione del genere non si può improvvisare e si devono adoperare delle accortezze precise.

Così facendo si potrà ottenere un risultato ottimale, evitando spiacevoli conseguenze provocate da persone che hanno voluto risolvere da sole ma che non avevano nessuna esperienza nel settore.

Ad esempio un individuo inesperto potrebbe causare dei danni seri non solo all’impianto, ma pure alla propria persona.

Ne consegue che è sempre meglio in queste circostanze affidarsi ad un personale altamente qualificato, capace di intervenire in modo adeguato e competente.

 

Caratteristiche generiche delle batterie e modalità per la sostituzione

 

La pila “tampone” consente il suo funzionamento anche quando manca la corrente elettrica o quando per qualche motivo l’interruttore principale non è attivo come dovrebbe.

Questa è una tipologia di batteria “ricaricabile” che può durare fino ad un lasso di tempo di “5 anni”.

Inoltre rappresenta il genere migliore per scoraggiare i ladri, visto che funziona ugualmente pure in caso di manomissioni da parte dei malviventi.

Quando giungerà il momento di doverla cambiare, si dovranno necessariamente seguire i seguenti passaggi con scrupolosità: prima di tutto si deve procedere con l’apertura della centralina, visto che tali batterie sono situate lì.

quale allarme per casa sceglierePoi si dovrà arrivare alla parte centrale disattivando l’allarme, dopodiché si potrà eseguire il cambio della pila inserendola nella giusta posizione per farla operare correttamente.

Una volta richiusa la centralina, se si noterà che il segnale luminoso che indica la batteria scarica non lampeggia più, allora starà a significare che il cambio è stato svolto regolarmente e senza nessun errore.

Infine si dovrà fare una prova fingendo un furto, per poter controllare se la sirena suonerà.

In caso affermativo si avrà la prova che la nuova pila è in funzione.

Invece il tipo al “litio” viene applicato prettamente per le apparecchiature “wireless e per i sensori”.

Però c’è finanche da dire che ci sono pure le pile al “litio” idonee per i sistemi d’allarme.

Qui risulta essere ancora più decisivo il buon funzionamento delle batterie in quanto servono per far suonare la sirena.

Dunque si può dedurre quanto sia fondamentale controllare che siano costantemente e totalmente funzionanti.

Questi sono alcuni consigli su allarme antifurto casa per sentirsi veramente al sicuro e protetti all’interno della propria dimora.

Giochi online e App: il boom negli ultimi anni

L’evoluzione di internet negli ultimi anni

Internet è un portale immenso che permette un’informazione istantanea, ma anche una fonte di svago e divertimento. Quante volte capita che si organizza una serata tra amici e quello incaricato di portare i giochi, preso dalla fretta di arrivare in tempo se li dimentica. Oppure, quando si va al mare, capita che si dimenticano le carte a casa.

Ma internet è un rimedio a tutto questo. Grazie ad una semplice connessione è possibile accedere a più portali che ti consentono di giocare gratuitamente con le persone che vuoi. Uno dei siti web più utilizzati è www.giochistars.it, ma comunque ce ne sono veramente tanti.

Come giocare?

Si può fare o come scritto precedentemente, oppure scaricandosi un’App che ti garantirà un accesso rapido e semplice. Le applicazioni sono veramente una miriade e sono quasi tutte gratis, quindi senza nessun vincolo di pagamento.

Solitamente, queste, prendono il nome del gioco a cui si vuol fare in quel momento: per esempio esiste l’app di briscola, di scopa, oppure quella di dama e scacchi. Poi, grazie ad una connessione è possibile collegarsi con gli altri smartphones e giocare con gli amici.

Quali sono i giochi online più cliccati?

– briscola: questo resterà sempre un must per gli italiani. Vengono distribuite tre carte ciascuno e una rimarrà scoperta sul tavolo che starà ad indicare il seme che bisognerà fare riferimento durante la partita. Quando arriverà il proprio turno, il partecipante lascerà cadere la carta che riterrà più giusta in quel momento, e non dovrà essere per forza dello stesso seme di quella scoperta.

Ovviamente la mano andrà a chi avrà scartato la carta con lo stesso seme di quella scoperta. Se due o più giocatori scartano la carta con uno stesso seme, la mano andrà a chi possederà la carta con il valore più grande (sempre dello stesso seme). Alla fine, quando si esauriranno le carte del mazzo, si procederà al punteggio. Vince chi avrà totalizzato più punti;

– dama: un gioco antico, ma che negli ultimi anni è ritornato in auge. Si gioca 1vs1 e ogni partecipante avrà delle pedine. Queste potranno muoversi avanti e indietro rispettando la propria casella, che avrà lo stesso colore della pedina. Si potrà andare avanti e indietro solo nel caso in cui la casella non sarà occupata.

Nel caso invece tra la propria pedina e quella libera, in mezzo, c’è la pedina avversaria, questa potrà essere mangiata. Quando si raggiunge l’estremità avversaria, la pedina diventa dama e potrà mangiare avanti e indietro. La dama si riconosce perché sopra la pedina, ne viene messa un’altra.

– asso piglia tutto: inaspettatamente è uno dei giochi più cliccati del momento e, se conoscete le regole di scopa, saprete come comportarvi. L’unica differenza sta che, con l’asso si prendono tutte le carte scoperte sul tavolo, ma in questo caso non si farà scopa, e poi se si decidesse di giocare in coppia, allora verranno distribuite tutte e dieci le carte.

Questi sono i giochi e le app che hanno riservato un successo negli ultimi tempi. Basterà un click e il divertimento è assicurato.

arredamento contemporaneo prezzi

Come creare e gestire un outlet di arredamento online

Da ormai diversi anni gli outlet hanno preso piede in tutto il mondo, nessuno resiste alla tentazione di acquistare un abito di una marca prestigiosa, ad un prezzo stracciato che arriva anche ad avere anche oltre il 70% di sconto sul prezzo originale.

Con l’avvento di internet hanno iniziato a prendere piede anche svariati outlet online, che funzionano esattamente come un normalissimo outlet, ma danno la possibilità di svolgere i propri acquisti con estrema semplicità e comodamente seduti sul divano di casa vostra.

Se siete interessati ad aprire un vostro outlet online, allora non vi resta che seguire questa breve guida.

 

VANTAGGI

 

Esistono svariati vantaggi nell’aprire un outlet online piuttosto che uno fisico.

Innanzitutto i costi di gestione si abbasserebbero notevolmente, non dovrete assumere lo stesso numero di personale che sarebbe richiesto in un punto di vendita fisico, non dovrete pagare l’affitto del negozio, le spese energetiche e molto altro.

Inoltre essendo un negozio online, ci sarà la possibilità di acquistare ad ogni ora del giorno e della notte, dando l’accesso anche a persone che si trovano a parecchi chilometri da voi e quindi aumentando esponenzialmente la vostra clientela.

 

COME APRIRE UN OUTLET ONLINE

 

Per aprire un vostro outlet online, avrete bisogno innanzitutto di acquistare un dominio internet disponibile, esso sarà in poche parole il link di riferimento al vostro sito. Una volta acquistato il dominio e realizzata la parte grafica, dovrete capire da quali fornitori comprare la vostra merce.

Una volta scelti i vostri prodotti, dovrete avviare una serie di pratiche burocratiche. Se non disponete già di una partita IVA commerciale dovrete aprirne una e registrarla all’INPS, successivamente dovrete registrare la vostra impresa alla camera di commercio.

Essendo molto variabili le leggi sulla questione, si consiglia di affiancarsi ad un commercialista per effettuare queste operazioni, dandovi così la garanzia di procedere in modo corretto e non incorrere in eventuali noie future.

 

COME GESTIRE IL VOSTRO OUTLET ONLINE

 

acquista mobili onlineUna volta che avrete seguito tutti i procedimenti, sarete pronti per iniziare.

Il consiglio primario è quello di effettuare una campagna pubblicitaria mirata. In base al tipo di vestiario che andrete a vendere, “targettizzate” la vostra clientela così da garantirvi un maggiore afflusso di gente sulla vostra piattaforma.

La pecca del negozio online è che internet è vasto e saturo di qualunque cosa, dunque dovrete essere in grado di distinguervi tra i negozi della concorrenza, magari proponete delle offerte di sconto sul primo ordine, oppure un coupon dal valore di 10€ ogni 100€ di spesa.

Ogni idea di marketing può essere valida, ma se vedete che una tattica non sta funzionando, interrompete e provatene un’altra.

Una volta che avrete ottenuto la vostra clientela, dovrete stare attenti a continuare a proporre offerte e ad aggiornare il vostro magazzino, dando così ai clienti, la voglia di continuare ad acquistare da voi.

 

Riassumendo, possiamo dire che l’apertura di un outlet online è una scelta che gioverà sulle vostre tasche e che se gestita nel modo giusto, potrà arrivare a farvi fruttare grandi quantità di denaro in poco tempo.

 

Fonte: Pignataroshop

allarmi senza fili prezzi

Antifurti senza fili Logisty: prezzi e modelli migliori

Sentirsi protetti in casa propria non sempre è scontato, soprattutto a notte fonda quando si sentono rumori sospetti, oppure durante alcuni periodi particolarmente difficili della vita.

In nostro soccorso vengono gli antifurti senza fili Logisty, che permettono di proteggere le nostre case facendoci sentire protetti e al sicuro in ogni momento.

 

Protezione alla portata di tutti

 

Gli antifurti Logisty wireless sono degli apparecchi di ultima generazione e particolarmente innovativi; pur essendo senza fili promettono elevate prestazioni, rimanendo così al passo coi tempi.

Scegliere un antifurto del marchio Logisty significa scegliere un’azienda leader nel settore degli impianti d’allarme, che promette soluzioni adatte ad ogni specifica esigenza: progettato con una tecnologia wireless, è indipendente dalla rete elettrica e ciò permette di evitare ogni tipo di problematiche riguardanti eventuali blackout, temporali o altri fattori riconducibili alla linea elettrica che potrebbero andare ad influire sul sistema d’allarme stesso.

 

La tecnologia degli antifurti senza fili Logisty

 

Grazie agli elettricisti IQS esperti e professionali, l’impianto senza fili viene installato e fissato al muro velocemente, senza dover intervenire a livello di muratura, cosa che altrimenti richiederebbe elevati dispendi di tempo e di denaro.

Questi speciali impianti wireless sono caratterizzati dalla tecnologia “Doppia Frequenza”, che assicura alte prestazioni proprio grazie alla trasmissione di informazioni attraverso diverse frequenze radio.

Inoltre, grazie alle speciali tecnologie “TwinBand” e “TwinPower”, le comunicazioni via radio sono rese ulteriormente sicure e senza vincoli dalla rete elettrica grazie all’utilizzo di due pile, dove una agisce come supporto per l’altra.

Si tratta di un antifurto certificato dal marchio CE, dal momento che rispetta tutte le normative e le normative del settore.

 

Antifurti Logisty: i modelli principali

 

I modelli di antifurto del marchio Logisty si distinguono in due gruppi: da un lato i modelli Expert, dall’altro i modelli Logisty2; ognuno di questi due gruppi presenta caratteristiche specifiche diverse, ma entrambi sono comunque in grado di assicurare un elevato grado di sicurezza per ogni esigenza.

Il modello Expert è caratterizzato da un sistema di sintesi vocale che permette di dare comandi attraverso il semplice uso della propria voce, ma non solo: è dotato di diversi sensori che permettono di riconoscere diverse situazioni considerate pericolose, come per esempio eventuali rotture di vetri, tentativi di scassinamento o intrusione nel perimetro della propria abitazione.

Il modello Logisty2, invece, presenta oltre alle caratteristiche del modello Expert, delle funzionalità aggiuntive: infatti, non solo consente di visualizzare in diretta streaming le immagini grazie ad un’applicazione installata sui propri dispositivi mobili, ma in più vi sono in dotazione delle sirene d’allarme che avvertono nel caso di intrusioni o tentativi di sabotaggio.

 

Antifurti wireless: le fasce di prezzo

 

Per quanto riguarda i prezzi, ovviamente i due modelli presentano un costo differente a seconda delle componenti del sistema di antifurto scelto, a cui vanno poi aggiunti i costi d’installazione effettuate dagli operatori esperti.

In generale, i prezzi vanno dai 500 euro per arrivare anche ai 1000 euro: si tratta senza dubbio di un investimento, in grado però di conferire una sensazione di sicurezza impagabile.

antifurto wireless gsm

Antifurto senza fili GSM

Nel mondo moderno, è impossibile non notare che siamo tutti costantemente interconnessi fra noi grazie alla rete internet; inoltre, tutte le sue più moderne innovazioni hanno portato alla nascita del Wi-Fi, ossia dei più moderni sistemi wireless, ossia senza fili.

Una delle ultime innovazioni ha portato alla nascita di moderni protocolli di sicurezza che, trasposti dall’ambito internettiano a quello domestico, hanno portato alla nascita di sistemi di sicurezza senza fili, come ad esempio i più recenti modelli di antifurto, in grado di offrire praticità e sicurezza, di cui verranno analizzate nel dettaglio le caratteristiche nel corso di questo breve articolo.

Antifurto senza fili? Una necessità!

Purtroppo, come testimoniato dagli ultimi dati forniti da alcuni dei maggiori istituti di statistica, negli ultimi anni sono aumentati notevolmente i furti nelle abitazioni, motivo per cui è stato necessario prendere delle misure di sicurezza adeguate; rivolgendo lo sguardo verso le più moderne tecnologie, una delle soluzioni a si è immediatamente pensato sono gli antifurto senza fili, volti a neutralizzare potenziali ladri ed aggressori, per impedire loro di entrare all’interno delle nostre abitazioni e compiere infrazioni di ogni genere.

Considerando che difficilmente questi delinquenti sfruttano metodi molto differenti da quelli canonici, è ideale portarsi un passo avanti e questo è possibile grazie ai più moderni sistemi di sicurezza, facili e comodi da installare nelle proprie case, affinché questi siano un rimedio efficace contro questo tipo di problematiche.

In base ad una serie di fattori, come ad esempio la dimensione della propria abitazione ed il numero di ingressi, è possibile scegliere il sistema più adatto alle circostanze senza sotto proteggere ma anche senza sovra proteggere così da spendere il giusto ed avere la giusta protezione.

Un’analisi delle caratteristiche dell’antifurto wireless GSM

Innanzitutto, è fondamentale precisare che è estremamente complesso violare un sistema di sicurezza quando di qualità, in virtù del fatto che il segnale opera su un sistema cifrato: infatti, l’informazione contenente la chiave di sicurezza può viaggiare anche su due linee separate, pur trasmettendo gli stessi dati, seppur con una chiave di decodifica differente, in modo che se una delle due dovesse cadere, l’altra resterebbe comunque attiva, affinché la sicurezza offerta dall’antifurto non perda di qualità ed efficacia in nessun momento.

Chiaramente non tutti i sistemi di allarme senza fili offrono questa funzionalità quindi, in caso di mono banda, bisognerà fare attenzione alla frequenza utilizzata dall’allarme (non tutte le frequenze infatti sono pariteticamente “di facile disturbo” da parte dell’intruso).

Questo, unito alla componente di sicurezza legata ad password modificabile in remoto, rende questo tipo di sistema pressoché inaccessibile, se non al compratore stesso.

Un’altra delle caratteristiche fondamentali dei sistemi di sicurezza GSM è la compatibilità con i software dei telefoni cellulari, il che consente a chi usufruisce di questo genere di servizi di poter inserire all’interno del combinatore telefonico associato all’allarme senza fili la sim del gestore di telefonia mobile preferito (salvo rare eccezioni).

Un altro pregio dell’antifurto wireless con GSM è la rapidità con cui è facile installare qualunque dispositivo, senza alcun genere di problemi relativi agli aspetti logistici della vostra abitazione: questo perché gli esperti che si occupano dell’installazione di questi sistemi di sicurezza sono specializzati, con la massima rapidità ed efficienza, offrendosi disponibili anche per eventuali manutenzioni e riparazioni necessarie per garantire la massima funzionalità di questi prodotti anche dopo l’acquisto.

(Per vedere on line alcune di queste soluzioni per la sicurezza ecco un link utile www.antifurtosicuro.it, nello stesso sito si trova anche la sezione relativa all’assistenza e quella relativa alla richiesta di preventivo.)

Lo stesso combinatore telefonico GSM è alimentato a batteria (salvo particolari casi in cui sia richiesta una specifica funzionalità “assorbi corrente”) e non ha collegamenti via filo alla centrale di allarme (a meno che non venga ospitato al suo interno nel qual caso scompare del tutto).

Una delle ulteriori garanzie offerte da questo antifurto è appunto il sistema di alimentazione elettrica autonomo: qualora debba necessariamente essere collegato alla rete elettrica domestica per specifiche funzioni o particolari necessità, qualora vi dovessero essere problemi con il contatore, e questo dovesse scattare, impedendo di norma il funzionamento dell’antifurto, questo invece resterà attivo, grazie ad un sistema di alimentazione interno a batteria che rimane attivo nel caso in cui vi sia un problema elettrico, di qualsiasi natura.

Inoltre, la funzionalità complessiva di questi prodotti dipende da una serie di sensori intelligenti, in grado di rilevare efficacemente i movimenti sospetti nella tua abitazione, specialmente quando non sei in casa o quando stai dormendo nella tua stanza: il sistema rileva l’assenza di movimenti e, tramite una programmazione dedicata, individua se all’interno della stanza è presente un individuo non autorizzato.

Tutto il sistema è connesso ad una centralina, presente all’interno dell’abitazione, che consente di inviare in maniera immediata un segnale alla più vicina stazione di polizia (se collegato tramite combinatore telefonico), che potrà intervenire tempestivamente, ed un allarme sonoro che risveglierà prontamente il proprietario dell’abitazione stessa, di modo che possa mettersi in sicurezza.

I costi di questi sistemi di sicurezza sono accessibili, specialmente se si considera che, a fronte di una spesa iniziale leggermente più elevata rispetto ad un sistema cablato, in un secondo momento i costi sono notevolmente ammortizzati, specie pensando alla facilità di installazione e di successiva manutenzione, che presenta una spesa inferiore ai comuni antifurto.